VENTRILOQUIO #poesia #istinto #corpo

adamo eva rubens

Dei bassi istinti, il vilipeso
ventre non è culla, ma di deformi
embrioni compone suo malgrado
un orrido bestiario; semi d’ignoti
padri, al favore delle rimosse ombre
deposti clandestini, in tirannia
d’artificiale luce confortante.
Al fiato esiguo della sommersa
urgenza, in brulichio di umori
intorpiditi, si volge il ventre
alla conformità dei modi e stoico
accetta il marchio dell’infamia.
La nobile figura esige un tono
e non da voce che a parole
distillate, lascia l’urgenza
in spazientita attesa, dell’ordine
s’inebria e al vilipeso ventre
non porge l’interiore orecchio.

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...