SACRE COEUR #songwriter #songwriting #singersongwriter #folk #folkmusic #folkrock #cantautori #melodia #indiemusic #indiestyle #indies #indieitaliano

Una canzone scritta nel 1987, di ritorno da una gita scolastica a Parigi.

Piano scendono le luci

Solo l’uomo sta

Osservando le sue croci

Abbracciando la città.

Si alzano le mani si sentono i rumori

Che invocano il domani entità basse di umori.

Ti ricordi ne è passato di tempo

Tra i ricordi trasportati dal vento.

E le luci lontane sembravano lontane

Ma erano vicine bastava guardarsi

Di dentro e le potevi afferrare

Fanno parte di me ma in questa

Città infinita non c’è più posto

Sacre Coeur come miraggio di vita

Perdersi nella città infinita

Sospeso nell’aria profumo di caffé e di crepes

Dove sei spirito del secolo

Venduto in un quadro bugie per turisti

Gli artisti i musicisti i mimi.

Pubblicità

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in mito moderno e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...