L’ORO NERO DEL NEOLITICO SARDO #sardegna #archeologia #preistoria

#sardegna #archeologia #archeologica #storia #cultura #civiltà #ossidiana #commercio

Albertomassazza's Blog

ossidianaGià chiamata così dagli antichi latini che ne facevano derivare il nome da un certo Ossidio, il primo a scoprire e sfruttare non meglio precisati giacimenti etiopici, l’ossidiana è una roccia vulcanica a rapido raffreddamento . La mancata cristalizzazione dovuta alla rapida solidificazione e la composizione silicea le donano una particolare lucentezza per cui è conosciuta anche come vetro vulcanico. Le masse, dette noduli, assumono comunemente una colorazione nerastra a luce riflessa, ma esistono delle tipologie che variano la tonalità, a luce trasmessa, dal verde, al grigio, al blu e al rossastro. La facilità di estrazione e di lavorazione (scheggiatura), la resistenza e l’affilatezza ne fecero, unitamente a un’oggettiva qualità estetica, la materia prima per una gran quantità di armi e arnesi da lavoro, soppiantando nel corso del neolitico minerali come la selce, inferiori per prestazioni e lavorabilità. L’ossidiana, in realtà, era già conosciuta prima della neolitizzazione nell’occidente mediterraneo (5000…

View original post 542 altre parole

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...