PARATA #poesia #socialità #apparenza

#canzone #poesiainmusica #poesiaintweet #VentagliDiParole

Albertomassazza's Blog


Una poesia scritta nel settembre del 2014 incontra un brano strumentale scritto tre anni dopo e insieme si rendono conto che stanno meglio che da soli.

ensorL’umana transumanza
con malcelata pena
avanza, nell’ornamento
asincrono di una grottesca
danza. L’evanescente parata
senza sosta digrigna e ingrugna
sotto celiante maschera
di glassata crosta. L’ingenua
tresca delle social catene
cela la gabbia asfittica
della partita doppia. Osservo
la sostanza dell’universo
avverso che sfila inanimato
in passo d’orso , il nervo
intorpidito del sorriso,
l’imperativo che impone,
nel cattivo gioco, il falso
recidivo del buon viso.

View original post

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...