IL PASSO DELL’ALIENO #poesia #memoria #essere

#videopoesia #poetrycommunity #PoesiaeVita #poesia #poeti

Albertomassazza's Blog

Che dici, Dio? Hai la faccia di darmi
il tuo perdono? Non hai capito: son io,
son io che ti maledico!

Non voglio mitizzare l’apprendista maledetto
e spergiurarvi che a rodere il suo fegato
sia stato il famelico rapace di Prometeo,
ma non lo denigrate, prego, assecondando
il padre nella convinzione che
ad aprirgli il baratro nel ventre
fu la vana brama della distinzione.
Egli non voleva essere distinto! Al più, d’istinto,
come fu, da debole pensiero annichilito.

Andate via, sciò, filate: non ho voglia di ferite leccate.
Andate via, sciò, filate: non ho voglia di ferite leccate.

Il suo era l’occhio smagato dell’alieno;
non si raccapezzava, attorniato da occhi accesi
dalle immagini; non si raccapezzava, ma era
di buona compagnia, quando non era attratto
dal suo abisso. Il riscatto a cui tu l’obbligasti,
padre, scavò l’abisso e lo vestì
dell’arroganza dell’orgoglio, ma mai
ti diede colpa. Padre, quell’altalena
dell’anima…

View original post 51 altre parole

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...