NEMO PROPHETA #poesia #appartenenza #città

Questa città che sale
bianca come un sepolcro,
ho cercato di scuoterla
nel mio piccolo, tirando
sassi nella palude in cui
sguazzano bigotti e leccaculo.
Ho fatto ridere le sue necropoli
come maschere sardoniche
che svelano l’abisso del suo passato
e irridono la supponenza provinciale
di chi si sente metropoli
al centro dell’Europa e del Mediterraneo.
Città di ragnatele calcificate,
solo lo slancio di pochi figli
eletti le dona quest’alone di magia.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...