DE-METRICA (2/OTTAVE) #poesia #madre #musa

S’illuminava in lontananza
lo sguardo distaccato della madre,
ma agli occhi del fanciullo
appena traspariva un fioco punto
di luce, dietro la coltre nebulosa
della condanna all’inadeguatezza,
impietosamente emessa dal tribunale
dell’inappellabile evenienza.

Sorprese la sempre attesa musa
taumaturga a rimestar la mano
nella ferita aperta dall’ingannatrice
congiunzione di sguardi e sorrisi
circostanti, lo squarcio all’incrocio
chimico dei sensi, impelagati
in ragnatele tramate dall’arte
realistica della dissimulazione.

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...