CENTRO DI GRAVITA’ #politica #elezioni #alleanze

Arginato grazie all’asse con Pisapia il pericolo a sinistra (anche se rimangono le spine nel fianco Vasco Errani ed Enrico Rossi nei collegi emiliani e toscani, sempre che questi non si facciano attrarre nell’orbita di Campo Progressista), per Renzi ora si tratta di andare a conquistare l’elettorato di centro, spaesato come non mai in passato, con un piede nel carro restaurato di Berlusconi, ma pronto a saltar giù al primo carro affidabile che passasse da quelle parti. La convivenza da fratelli coltelli tra il vegliardo di Arcore e il ruspante Salvini agevola le operazioni di Renzi. L’assenza di competitors seri (l’ex caimano, appunto, azzoppato dall’età, dalle vicissitudini penali e dall’irriverenza del segretario leghista, oltre all’insipiente Alfano, gli unici teoricamente attrattivi su quella fascia di elettorato) rende l’occasione troppo ghiotta perché il segretario Dem se la faccia sfuggire. Non a sinistra (dove, oltre a Pisapia, anche gli europeisti di Bonino e Della Vedova dovrebbero esercitare un certo fascino), ma al centro si gioca la partita principale delle prossime elezioni politiche, una partita che Renzi deve giocare in prima persona, pancia a terra, se vuole essere il timoniere del prossimo quinquennio di governo.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...