ELLISSI E CONTORSIONI #poesia #fascinazione #infanzia

Albertomassazza's Blog

eclissiAd agio della luna agiva il bimbo;
il bimbo agito, il raggio nell’adagio;
e non gli fu mai agio l’essere agito;
il bimbo agito si risvegliò randagio.

Segnati quei sentieri li percorse: l’uovo
roulotte dei Torelli, la guancia squarciata dal cane
a cui l’impavido aveva disturbato la cena,
il salto dalla lavatrice, la fronte
contro il battiscopa, i punti di sutura
cuciti dall’omonimo cugino, la fraterna
zoccolata notturna, il sangue, l’uovo
di Pasqua, il sasso e la sorpresa,
la testa rotta, ma non ricordo, Anya,
le pesche sciroppate mendicate forse
ai tuoi genitori. Fu quello il primo
incontro o fu per vie traverse?

Il raggio insinuava il chiaroscuro
nell’animo del bimbo, la notte
nel suo cuore abnorme, la bizzarria
nei sentimenti, presaghi di mai trovare
occhi in cui specchiarsi. Ma c’eri,
Anya, quando rubò la scena al prete
di San Pietro, che la madre, tirato
per l’orecchio, in fronte all’altare
lo…

View original post 73 altre parole

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...