AUTODAFE’

pantomima

Ero io, ero io che lo cercavo
il punto estremo che non ammette
condizioni per poi strappare
la maschera del mondo e sbattergli
in faccia la sua ambivalenza.
Io sapevo che non il granito era
adatto alla solenne retorica
dei principii, ma la proteiforme
argilla che accondiscende
agli imperativi della prassi.
E mi sono spinto fino in fondo,
ma non ho mai tenuto conto
di quanto l’orgoglio dell’ideale
potesse corrodere la pelle
col più aggressivo acido.
Ero io, ero io che soffiavo sul collo
dell’abisso per indurlo a rivelarmi
l’insondabile fondo da raschiare.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a AUTODAFE’

  1. isidoromartinelli ha detto:

    Bella composizione, densa di significati direi mitologici
    L’argilla è un calco perfetto ed umile; il granito è freddo ed imperiale.
    Un saluto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...