LA GRAZIA DELL’OBLIO #PoesiaeVita #zero15

leopardi 2

Bench’io sappia che obblio
preme chi troppo all’etá propria increbbe.
Giacomo Leopardi, La Ginestra

Ma che si faccia oblio e il resto
alla malora, ché non mi va d’ulteriormente
increscere a quest’età che s’insuperbisce
dell’inconsistente progredire eterno
eretto su fondamenta di palude.
Oblio, oblio definitivo! E mai deragli
il treno dal tedio del binario morto,
mai l’occhio si riabbia dall’ipnosi
delle luminarie sfavillanti che adornano
le spettrali stazioni della vita.
Produrre, produrre, procreare! Si sazi
dell’osso spolpato della terra l’infinita
teoria dei parassiti; s’ingrassi di quel poco
che rimane per esser dato in pasto
alle fauci spalancate del consumo.
A me l’oblio e il resto sia silenzio!

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a LA GRAZIA DELL’OBLIO #PoesiaeVita #zero15

  1. NemoZack ha detto:

    condivido per ogni verso e in toto. ma è grazia incerta persino ai defunti, ai vivi poi, giust’appunto quello che dici bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...