QUADRETTI CAGLIARITANI #poesia #cagliari #città

torre elefante

Nella bianca vertigine calcarea,
la città indolente si trascina
in fittizie sembianze definite
di moderni e dinamici profili.
La bruma sospende l’acropoli
e le eburnee torri marziali
opposte svettano poliedriche
in abbaglianti moniti spettrali.
Il soffio perentorio del maestro
s’insinua salmastro e satura
gli inerpicati vichi artritici
e gli antichi muri ammuffiti.
La rosea palude tinge le piume
dei regali trampolieri e si fonde
coi tetti refrattari all’impazienza
dei frettolosi tempi omologanti.
Precipitato in sella, Lucifero
ghigna compiaciuto dal promontorio
per l’occhio sbiecato e l’apatia
che trasformano in inferno un paradiso.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in mito moderno e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...