QUESTIONI DI METODO #matteorenzi #debortoli #leggeelettorale

renzi mussolini Maleducato di talento: la caustica definizione dell’ex direttore del Corsera Ferruccio de Bortoli ha fotografato esemplarmente il profilo del giovane premier italiano; riprendendo Chesterton (democrazia come governo dei maleducati, aristocrazia come governo degli educati male), Renzi ha riportato tutto al nocciolo: una questione di metodo. Ma sul metodo possono sottilizzare coloro che hanno il tergo ben caldo, gli aristocratici di censo e di pecunia, non la gran massa degli italiani che affannosamente tirano a campare: questi sono nella gran parte ben disposti a chiudere non uno, ma entrambi gli occhi di fronte alle maniere inurbane del caudillo (tanto per ri-citare l’ex direttore del più aristocratico quotidiano italiano) fiorentino, se i metodi spicci saranno forieri di qualche tangibile risultato. Al premier si può rimproverare sicuramente l’eccesso di protagonismo, il decisionismo, la tendenza a forzare la mano e a dare una rilettura decisamente personale delle relazioni dell’esecutivo con istituzioni, opposizioni e forze sociali. Ciò che non può essergli addebitato in alcun modo è la pochezza del contrasto che gli viene opposto, completamente appiattito su posizioni strumentali, fossilizzate su visioni manicheiste e stantie ideologizzazioni che non destano alcun interesse nella stragrande maggioranza degli italiani. Per fare un esempio, Renzi ha sicuramente forzato la mano sull’approvazione dell’Italicum, ma l’alternativa sarebbe stata un interminabile dibattito che avrebbe tenuto in ostaggio il parlamento su una questione importante quanto si vuole, ma di certo non per la pancia del paese. Dire che la nuova legge elettorale mette a rischio la democrazia italiana è una fandonia sesquipedale. L’Italicum, per quanto imperfetto, è una legge che migliora nettamente in tema di rappresentatività il famigerato Porcellum; a mio modesto parere, offre meno spazi al clientelismo di quanti ne offriva il Mattarellum. Le migliorie apportate rispetto all’impianto iniziale, riguardo alla soglia del premio di maggioranza, a quella di sbarramento e alle limitazioni dell’arbitrio delle segreterie nelle compilazione delle liste, rappresentano un ragionevole compromesso. Chi non è d’accordo, d’altronde, può sempre proporre un (inutile) referendum abrogativo, per sprecare un po’ di denaro pubblico e tenere il paese bloccato su una questione che la gran parte degli italiani ritiene finalmente superata, portando in questo modo un altro po’ d’acqua al mulino del talentuoso maleducato fiorentino. Legittimo, ma poi non ci si lamenti che il suo strapotere continui a salire, ben lungi dall’essere arginato da una sana e motivata contrapposizione squisitamente politica.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a QUESTIONI DI METODO #matteorenzi #debortoli #leggeelettorale

  1. loscalzo1979 ha detto:

    “Dire che la nuova legge elettorale mette a rischio la democrazia italiana è una fandonia sesquipedale.
    L’Italicum, per quanto imperfetto, è una legge che migliora nettamente in tema di rappresentatività il famigerato Porcellum; a mio modesto parere, offre meno spazi al clientelismo di quanti ne offriva il Mattarellum.
    Le migliorie apportate rispetto all’impianto iniziale, riguardo alla soglia del premio di maggioranza, a quella di sbarramento e alle limitazioni dell’arbitrio delle segreterie nelle compilazione delle liste, rappresentano un ragionevole compromesso.
    Chi non è d’accordo, d’altronde, può sempre proporre un (inutile) referendum abrogativo, per sprecare un po’ di denaro pubblico e tenere il paese bloccato su una questione che la gran parte degli italiani ritiene finalmente superata, portando in questo modo un altro po’ d’acqua al mulino del talentuoso maleducato fiorentino.”

    Centrato perfettamente il punto: sinceramente, a me Renzi piace proprio per questo decisionismo: sta imprimendo un’accelerata necessaria alle riforme, sta sradicando meccanismi vetusti della sinistra e mettendo alla porta quella radicale, che ha sempre portato al fallimento ogni governo di centrosinistra; ha annientato e frammentato il centrodestra; è l’unica reale alternativa al populismo di Grillo e Salvini ….. ben venga dunque

    • albertomassazza ha detto:

      soprattutto ha smascherato la nullaggine della classe politica italiana, buona solo a fare intellettualismi da salotto. Io vorrei essere libero di scegliere se votarlo o non votarlo, ma stando così le cose, non posso che votarlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...