MASACCIO: QUANDO LA PITTURA PERSE L’INNOCENZA #masaccio #cappellabrancacci #masolino #pittura #rinascimento

Albertomassazza's Blog

masaccio masolino

La storia dell’arte è una costellazione di vite straordinarie, allo stesso tempo paradigmatiche e inimitabili.

A Firenze, nel 1423, due pittori decisero di metter su bottega. Portavano lo stesso nome, Tommaso, ma nel primo, più anziano di 18 anni, era declinato paradossalmente al diminutivo, Masolino; nel secondo, in una via di mezzo tra il vezzeggiativo e il dispregiativo, Masaccio: ma non per il carattere collerico, ci dice il Vasari, ma perchè era talmente preso dalla sua missione artistica, da non curarsi d’altro, apparendo trasandato e disordinato.  Tutto farebbe pensare che entrambi non abbiano avuto una formazione molto regolare, ma ciò non aveva impedito al più giovane di iscriversi all’Arte dei Medici e Speziali, sorta di albo professionale, poco più che ventenne, nel 1422; Masolino vi si iscriverà l’anno successivo, a quarant’anni suonati, in quello stesso 1423 in cui iniziava la collaborazione col più giovane omonimo.

Parrebbe, dunque, che l’anziano si…

View original post 320 altre parole

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...