ESTETICA DEL BRUTTO #arte #filosofia #gusto #esteticadelbrutto

Albertomassazza's Blog

san petronio

L’atto di fondazione dell’estetica come disciplina filosofica autonoma fu il trattato in latino Aesthetica, scritto nel 1750 da Baumgarten, il quale la definì come “scienza del Bello, delle arti liberali e gnoseologia inferiore, sorella della Logica”. Scienza del bello, appunto, particolarmente del bello artistico che ha come oggetto l’osservazione del dato naturale. Ma la natura contiene in sè anche il brutto; e allora, come si può conciliare questo aspetto con la necessità dell’arte di realizzare il bello (e il vero) attraverso l’osservazione e la trasformazione del  reale? Questo problema fu risolto in termini sbrigativi dai filosofi dell’antichità, sia classici che cristiani. Il brutto venne classificato come negazione del bello, come il male del bene o il cattivo del buono, per forza di cose subalterno a quello, incapace di autonomia. Di conseguenza, il brutto non poteva avere ragione d’essere nell’espressione artistica, se non come specchio deformato del bello o in divenire…

View original post 212 altre parole

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...