INGANNO #poesia #segno #destino

marsia tiziano

Il segno si fece beffa
in sogno, nel deformante
caleidoscopio della psiche,
nel vano confidare che quel
soffio soffocato del suo
petto un giorno si sarebbe
finalmente liberato dal peso
del precario stare al mondo.
Attese e attese invano, lo straniero.
Come Sargon d’Accadia, si pensava,
o l’emulo Mosé o Romolo, in ceste
sigillate dal bitume esposti
ai rispettivi fiumi ed affidati
ai destini illustri. Si volse
con fiducia alle insidie
del sentiero: un segno dopo
l’altro, trovò nell’aleatorio
l’assoluto, celia crudele
dello spirito del tempo.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...