UN CASO DIVERSO #napoli #rionetraiano #carabinieri

rione traianoLa tragica vicenda del diciassettenne Davide Bifolco, morto nel Rione Traiano di Napoli, in seguito ad un colpo di pistola partito, da stabilire se accidentalmente o meno, da un carabiniere durante l’inseguimento dello stesso ragazzo che, con due amici a bordo di uno scooter, non si era fermato all’alt, è divenuta occasione, com’è d’uopo in Italia, di un derby tra opposte fazioni, che per convenzione chiamerei Acab e forcaioli. I primi non si sono fatti pregare per strumentalizzare la vicenda, facendo un’enorme confusione tra essa e i noti casi di abusi delle forze dell’ordine avuti negli ultimi anni. La stessa Ilaria Cucchi, sorella-coraggio del povero Stefano, ha iscritto di diritto il fatto di Napoli, stavolta del tutto a sproposito, tra la nutrita schiera di casi di morti a causa di interventi eccessivamente energici delle forze dell’ordine e di negligenza nella gestione del fermo. D’altra parte, per i forcaioli la morte del ragazzo è stata la giusta punizione per essere andato in tre in scooter, con compagnie poco raccomandabili, senza casco e senza fermarsi all’alt delle forze dell’ordine.  Chiaro che tra simili incudine e martello, a rimetterci non può che essere il buonsenso.

Mi spiace per Ilaria Cucchi, ma se proprio si deve cercare un termine di paragone per il fatto di Napoli, non lo si può di certo trovare nella vicenda del fratello o in quelle di Aldrovandi, Uva e Magherini. In queste situazioni, gli abusi delle forze dell’ordine non sono avvenuti in una condizione di oggettivo pericolo per l’incolumità degli agenti o di eventuali passanti, ma in normali fermi di persone sole e disarmate. Piuttosto, il dramma di Napoli può essere paragonato alla morte di Carlo Giuliani, nel G8 genovese del 2001. In entrambi i casi, si è trattato di situazioni maturate in una logica di scontro. Ma le differenze sono ugualmente sostanziali: nel caso di Giuliani, innanzitutto, lo scontro avvenne su un terreno politico e ideologico, mentre a Napoli è stato su uno di pura legalità; inoltre, e questa è una differenza netta, il povero Carlo Giuliani, pur accettando una logica di scontro, non ne fu di certo il principale artefice, contrariamente ai tre ragazzi napoletani che hanno creato, con la loro condotta illegale, una situazione di rischio per gli agenti e per gli eventuali passanti.

Tutto ciò, naturalmente, non assolve il carabiniere responsabile dello sparo. Gli accertamenti diranno se il colpo è partito volontariamente o accidentalmente e se l’arma carica in pugno è stata o meno una decisione giustificabile dalla situazione di criticità creatasi. Ma strumentalizzare quanto è accaduto, omologandolo a fatti che poco hanno in comune con quanto successo a Napoli, in chiave di una protesta contro veri o presunti abusi delle forze dell’ordine, può avere come unico risultato la delegittimazione della sicurezza pubblica e la generalizzazione di un problema che senza dubbio non dovrebbe verificarsi in uno stato di diritto, ma che comunque rimane circoscritto e proprio per questo, per essere meglio combattuto, necessita d’essere esaminato nella fattispecie, ogni qual volta fosse accaduto o dovesse malauguratamente accadere di nuovo.

 

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a UN CASO DIVERSO #napoli #rionetraiano #carabinieri

  1. loscalzo1979 ha detto:

    Un giudizio molto attento, pacato e misurato.
    Forse la cosa migliore letta nel mare di (scusa la volgarità) merdate scritte sui social e su internet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...