CRISI E OPPORTUNITA’ #europa #recessione #stagnazione

unione europeaNon è questione di rispolverare il vecchio adagio “Mal comune, mezzo gaudio”, ma i dati negativi sull’economia di Germania e Francia offrono un’ulteriore boccata d’ossigeno (l’altra è stata la prima approvazione in Senato della Riforma Boschi) a Matteo Renzi, dopo che la sua luna di miele con l’elettorato italiano rischiava di essere pesantemente minacciata, a sua volta, dai dati negativi sull’economia italiana. E questo non tanto per un acclarato demerito del giovane premier (al quale, al momento gli si può imputare solamente di non essere stato in grado di fare miracoli), quanto per la ben nota umoralità degli italiani, sintetizzata dall’altrettanto vecchio adagio “Piove governo ladro”. La condivisione della ricaduta in situazioni stagnanti o recessive dei tre maggiori paesi dell’area Euro dimostra, da una parte, quanto sia ancora timida la politica europea per la ripresa; dall’altra, quanto peso possa avere il gelo con la Russia per la bilancia  commerciale della Zona Euro.

In ogni caso, una situazione che offre a Renzi l’opportunità di giocare un ruolo fondamentale nelle politiche europee dei prossimi cruciali mesi, sia come più convinto assertore di un allentamento dei vincoli, sia come patrocinatore, ai limiti della testardaggine, di Federica Mogherini come capo della diplomazia europea. L’attuale Ministro degli Esteri italiana, bloccata da diversi paesi, tra cui la Germania, per la sua supposta inesperienza e per la linea considerata morbida nei confronti di Putin, potrebbe vedersi rilanciata la propria candidatura da una Germania riportata a più miti consigli dopo il -0,2 di Pil nel secondo trimestre dell’anno, in buona parte addebitabile alla crisi ucraina e al conseguente deterioramento dei rapporti con la Russia.

Alla ripresa dopo la pausa estiva, per Renzi la partita fondamentale si giocherà in Europa. Lo scaltro Presidente del Consiglio di sicuro non si farà scappare l’opportunità di recitare una parte da protagonista nella scena europea, ma che la sua azione abbia successo dipende dalla sostanza delle proposte che porterà  davanti al giudizio dei palati fini della politica nordica. Senza l’intervento dell’Europa, i guai per Renzi non si farebbero attendere, perché, anche volendo riprendere il vecchio adagio, il mal comune non si presenta, dato che mentre Germania e Francia sono alle prese con un’involuzione in un processo di ripresa che si sapeva difficile, per l’Italia i problemi vanno ben oltre la cattiva congiuntura, grazie ai cronici deficit strutturali del sistema, i quali, per quanto possa essere antipatico, non si possono di certo addebitare a Renzi.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...