SEGNI E SOGNI #poesia #volontà #caso

sogno PieroLui visse l’affanno e l’arsura
come pegno per evitare
l’abiura, un rito di passaggio
per prepararsi al peggio.
Il tempo beffardo gli scivolò
nel campo vario ed eventuale
delle probabilità, nel tardo
lume finale, carsico fiume.
Lui visse l’incanto feroce
nel lamento di un Dio senza
voce,  lettera morta e sepolta
dall’indulgenza della maschera.
Visse gli auspici ignaro di quanto
fossero ostici a realizzarsi,
amaro calice, partita persa
nel porsi in attesa infinita.

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...