LA RESA DEI VENTI #poesia #rosadeiventi #tempo

ventiSoffiate venti, fino a farvi scoppiare le gote.
William Shakespeare, Re Lear.

E fu così che il vento
mi costrinse, a fior
di pelle, irritante umidore,
sotto il dominio di suscettibili
elementi. Ostro, vecchio
teatrante, che fai la voce
grossa di buriana e duri
come brezza, nell’indolenza
del meriggio estivo; e tu,
ammorbante scirocco, che addensi
copiose nubi stitiche
e la salsedine sottocutanea
inietti, fino alle stanche
ossa; mefitico libeccio,
la fragranza della poseidonia
ancora fresca a stento copre
il guasto che produci;
l’accumuli superbo, ma non ti rendi
conto d’essere al servizio
del tracotante maestrale;
sull’uscio che tu apri,
s’insinua il provenzale
e s’appropria del lavoro
che ti è costato, o libico,
la schiena dritta, la nobile figura.
Meglio il levante che gonfia
cielo e mare e le promesse
mantiene; o la tramontana
che taglia facce e gela
umori lavici che non hanno sfogo.
Ma il solo che mi è caro
è il greco dal soffio fresco
e raro, che nelle fredde
ondate siberiane impregna
l’aria di un odor di neve,
di uno scintillìo cristallizzato.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...