IL DISSOLUTO ASSOLTO #berlusconi #processoruby #assoluzione

berlusconiLa sentenza di assoluzione della Corte d’Appello di Milano per Silvio Berlusconi, condannato in primo grado a sei anni per concussione e ad un anno per prostituzione minorile, in merito alla nota vicenda di Ruby e della telefonata in Questura, ha colto di sorpresa un po’ tutti. Persino i legali dell’ex Cavaliere avrebbero messo la firma su un’assoluzione per insufficienza di prove e si sono ritrovati con una formula ampia che ha ribaltato completamente il primo grado e avallato la teoria della persecuzione giudiziaria, da sempre cavallo di battaglia di Berlusconi e dei suoi. A ben vedere, però, questa sentenza corre il rischio di rendere inoffensivi gli attacchi alla Magistratura dei berlusconiani, quantomeno di fronte ad eventuali (e probabili) future condanne. Come potrebbero, dopo questa clamorosa sentenza d’Appello, ululare contro il complotto giudiziario in caso di condanna nel cosiddetto Ruby ter (corruzione in atti giudiziari, per indurre i testimoni del processo Ruby alla falsa testimonianza) o nel processo per la compravendita di De Gregorio per far cadere il Governo Prodi? L’assoluzione in Appello per il processo Ruby, a lungo (neanche tanto) andare, finirà per togliere definitivamente dalle mani di Berlusconi l’arma mediatica della persecuzione giudiziaria. La Seconda Corte d’Appello di Milano non ha esitato ad esprimere una sentenza che ha ribaltato la condanna in primo grado, mettendo in imbarazzo la Procura dello stesso capoluogo lombardo.

D’altronde, perfino degli opinionisti mai teneri con Berlusconi avevano a suo tempo evidenziato tutte le debolezze della condanna in primo grado. Innanzitutto, la pena troppo severa e forzatamente esemplare, come evidenziato dalla stessa accusa nel processo d’appello. Una pena comminata, più che per dei reati comprovati aldilà di ogni ragionevole dubbio, per delle interpretazioni, per quanto anch’esse ragionevoli, non suffragate dall’evidenza delle prove. La condanna per concussione, che era valsa 6 anni di pena su 7 totali,  avrebbe potuto reggere se, al momento della riforma Severino che ha scisso il reato in due -concussione coercitiva (con minaccia esplicita o comunque inequivocabile); concussione induttiva (pressione indiretta per ottenere qualcosa)- i magistrati avessero optato per  l’induzione, con pene meno severe e il coinvolgimento del funzionario di Polizia come corresponsabile della concussione. Ma proprio per evitare il coinvolgimento della polizia, hanno scelto la coercizione, nonostante dalla registrazione della telefonata non emerga alcun atteggiamento prevaricante. I più maligni avevano interpretato la scelta per la pena più severa come una mossa per vanificare il processo.

Nella condanna per prostituzione minorile, d’altro canto, era indimostrabile sia la certezza dei rapporti sessuali, sia la conoscenza della minore età di Ruby. La logica avrebbe suggerito un’insufficienza di prove: c’è da chiedersi perché si sia scelta una formula che ha sconfessato clamorosamente il lavoro della Procura. E c’è da chiedersi se e quanto, su questa sentenza, abbiano inciso pressioni politiche, lotte intestine alla Magistratura, smania mediatica dei giudici e via dicendo. Come c’è da chiedersi se e quanto un Berlusconi rianimato possa favorire la stabilità di Renzi. Nel breve periodo, l’assoluzione certamente favorisce il corso delle riforme, ma se ci fosse una ripresa nei sondaggi, la tentazione di far saltare il tavolo sarebbe irresistibile per Berlusconi. Di sicuro, non sarà questa sentenza a trasformare Berlusconi in uno statista: l’inopportunità del suo agire privato e pubblico è ormai conclamata per la stragrande maggioranza dell’elettorato, nonché per il resto del mondo.

 

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a IL DISSOLUTO ASSOLTO #berlusconi #processoruby #assoluzione

  1. loscalzo1979 ha detto:

    Un’ottima analisi della vicenda non c’è che dire.
    Comunque aspetto di leggere la sentenza per capire se anche i giudici siano arrivati alle stesse conclusioni o ci siano dei piani di lettura inediti nella cosa.

    Spero che la cosa non scateni una nuova raffica di assoluzioni nei processi in corso, anche se ad esempio nel processo De Gregorio lo tenderei ad escludere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...