OSTILITA’ ELETTIVE #governorenzi #riforme #senato

senatoDopo i tatticismi e le contrapposizioni, comprese le accuse completamente fuori luogo di attentato alla democrazia, con l’avvio dell’iter parlamentare della riforma del Senato la questione si sposta da un piano partitico ad uno squisitamente politico. La riforma voluta dal governo Renzi e sostenuta dalla maggioranza di Forza Italia, avente come stella polare il superamento del bicameralismo perfetto, è sicuramente perfettibile, ma l’impostazione che la vede strettamente collegata agli enti locali non può essere in alcun modo vista come una limitazione della libertà di scelta democratica da parte della cittadinanza; piuttosto, con un Senato composto in larga parte da ELETTI con garanzie di appartenenza al territorio ben più consistenti di un’eventuale elezione diretta, la nuova Camera alta garantirà, oltre che lo snellimento degli iter legislativi e l’abbattimento dei costi, una possibilità di maggiore partecipazione e controllo dei cittadini. Una volta superata l’idea di affidare al Presidente della Repubblica la nomina di un cospicuo numero di senatori, com’era inteso nelle prime bozze di riforma, l’unica criticità rimane la fumosità del criterio di scelta, da parte dell’assemblea degli amministratori locali, dei consiglieri delegati a rappresentare le regioni a Palazzo Madama. Gli integralisti dell’elezione diretta dovrebbero riflettere su come il mantenimento del suffragio specifico, magari mantenuto in abbinamento con quello della Camera, da una parte possa indebolire quel superamento del bicameralismo paritario che loro stessi si auspicano, almeno a parole; dall’altra, renderebbe meno giustificabile l’abolizione delle indennità: questi sono concetti che molti insigni costituzionalisti vanno ripetendo da tempo.

Piuttosto, un miglioramento capace di rendere ancora più stringente il rapporto tra cittadinanza e rappresentanza potrebbe essere quello di rendere noto, già in fase di presentazione delle liste per le elezioni regionali, i candidati consiglieri in corsa anche per il Senato. All’assemblea degli amministratori locali spetterebbe il compito di scremare, dalla rosa dei più votati tra questi, i delegati regionali al Senato. Un sempice emendamento a cui, per quel che mi risulta, non ha pensato nessuno, ma che non avrebbe difficoltà a trovare il sostegno delle forze parlamentari e che consentirebbe di ridurre la distanza, in termini di espressione della volontà popolare, tra il nuovo meccanismo di composizione e l’elezione diretta. Comunque, ora arriva il momento della verità e chi crede di poter sfruttare il dibattito parlamentare per cercare di ridimensionare il consenso di Renzi, sbaglia di grosso. La cittadinanza, positivamente interessata al dinamismo di questa fase politica, non tollererebbe una ricaduta nella palude e se qualcuno ha intenzione di fare il Sansone di turno, sappia che stavolta i filistei potrebbero scappare prima del crollo del tempio, lasciandolo da solo sotto le macerie.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a OSTILITA’ ELETTIVE #governorenzi #riforme #senato

  1. marco ha detto:

    a quindi un senato di nominati , con buona probabilità, grazie all’immunità, di nominati tra indagati e condannati , (e in quello il pd ormai ha superato ampiamente il pdl) più un parlamento di nominati dai capibastone , più una riforma del titolo quinto, che toglie potere alle regioni , per trasferirlo al governo , più una legge elettorale che potrebbe dare, il governo del paese in solitario a un partito con il 22%, più la quintuplicazione delle firme necessarie, a un legge di iniziativa popolare , e il raddoppio delle firme necessarie , alla richiesta di referendum abrogativo , tralasciando il decreto prò inquinamento indiscriminato per pietà nei suoi confronti ,lei non vede nessun attentato alla democrazia , ottimo direi, gia che c’è rifondi il partito fascista , sarebbe la sua collocazione perfetta

  2. Valter Mura ha detto:

    Ma dove hai studiato negromanzia? Genio! 😀 😀 😀 😀 😀 😀

  3. loscalzo1979 ha detto:

    Ottime osservazioni Alberto.

    Piano piano la legge elettorale e la riforma parlamentare sta approdando al voto, alla faccia di chi diceva che mai sarebbe avvenuto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...