STORIA MINIMA DELLA RELIGIONE #sacro #culto #sacerdoti

san petronioDifficile stabilire come e quando si sia formato il sentimento del sacro nell’animo degli uomini. A mio parere, nella sua formazione c’è una componente innata: l’inadeguatezza di fronte alla natura ostile e la conseguente necessità di immaginarsi un futuro. Questo ha messo l’umanità in una posizione d’attesa, oltre ad allenarla ad elaborare strategie sempre nuove per ovviare alla sua inadeguatezza. Un secondo elemento portante del sentimento del sacro è la formazione di una coscienza umana di alterità rispetto alla natura e, in questo caso, abbiamo anche una data e un luogo: circa 1,5 milioni di anni fa in Africa Orientale. Mi riferisco a quello che io chiamo Addomesticamento del fuoco, probabilmente il più lungo salto compiuto dall’uomo nella sua evoluzione. L’importanza della manipolazione del fuoco non risiede tanto nel miglioramento della dieta, nell’utilizzo come strumento di difesa dai predatori o per temperare il clima degli ambienti abitati, ma nel costiture un punto di svolta veramente epocale, cambiando drasticamente la percezione del resto della natura e creando la convinzione d’essere, l’umanità, in una posizione di privilegio e di dominio. Queste due caratteristiche sono alla base sia del prodigioso progresso evolutivo umano sia del suo complesso orizzonte sprirituale.

La ritualità sacra è ben strutturata nell’Homo Sapiens ed era presumibilmente presente già dal Neanderthal, se non ancora prima. Nell’Homo Sapiens si ha già una pratica diversificata, con tipologie rituali diverse, come le pitture parietali con valenza di ex-voto o i giochi simbolici di abilità, propedeutici e propiziatori per la caccia. Data l’economia prettamente venatoria, emerge la figura di un Signore degli animali che guida, grazie al suo potere sciamanico, gli uomini nella caccia. Accanto ad esso, probabilmente nei luoghi dove la raccolta di vegetali commestibili spontanei è più abbondante, si inserisce la figura della Dea Madre, associata alla fertilità della terra e destinata ad avere un ruolo di primissimo piano dopo la rivoluzione agricola e per tutta la durata del neolitico (10.000-3.000 a.C.). Con la sedentarizzazione della vita delle prime comunità agricole si assiste alla divisione specialistica del lavoro e, con essa, si delineano anche le figure preposte al culto: il sentimento del sacro, condiviso dalle tribù di cacciatori del paleolitico, nelle più ampie e complesse comunità agricole assume le forme di un vero e proprio fenomeno religioso, vale a dire un legame stretto tra i membri della comunità avente per oggetto il sacro. Il prestigio goduto dagli individui investiti della guida spirituale porta a commistioni sempre maggiori tra la sfera del sacro e il potere politico. Nelle civiltà monumentali si arriva, in questo modo, all’identificazione dei due poteri o alla creazione di caste sacerdotali tanto potenti da poter condizionare pesantemente la politica. In età classica, il predominio della sfera civica porta ad una certa laicizzazione della religione che tende ad annacquare le motivazioni spirituali più profonde, privilegiando gli aspetti esteriori del culto e la loro funzionalità sociale. La frammentazione eccessiva del politeismo e la subalternità del sacro alla virtù civica portano all’affermazione prima dei culti misterici e salvifici e successivamente dei monoteismi e delle religioni rivelate, con le classi sacerdotali che riprendono il loro predominio sulla vita civile, grazie al seguito delle masse popolari e all’abilità speculativa dei sacerdoti.

Il termine religione deriva dalla parola latina religio. I primi ad offrire una spiegazione etimologica del termine furono Cicerone e Lucrezio. L’oratore arpinate lo volle derivato da relegere (rileggere, ripercorrere) con riferimento al coinvolgimento e alla cura che i fedeli manifestavano verso tutto ciò che riguardava il culto. Lucrezio propose una derivazione da religare (legare assieme), sottolineando i legami tra la divinità e i fedeli e sottintendendo criticamente l’oppressione e la manipolazione esercitata dalle classi sacerdotali. Questa etimologia, sebbene considerata molto meno affidabile di quella ciceroniana dai filologi, venne ripresa con successo da Lattanzio e adottata dalla chiesa, mentre venne fatta cadere quella ciceroniana, nonostante fosse stata riproposta da Agostino. Dunque, nell’accezione cristiana, oltre al vincolo dei fedeli con l’unico vero Dio, la religione presuppone una liturgia decisa e imposta dalla classe sacerdotale; di conseguenza, un culto, per potersi definire religione a tutti gli effetti, oltre alla condivisione in una comunità di fedeli, deve avere anche un’organizzazione gerarchica che stabilisca l’ortodossia liturgica. In questo senso, la religione appare come uno strumento del potere per organizzare e guidare lo spontaneo sentimento del sacro, secondo l’interesse della classe sacerdotale.

 

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a STORIA MINIMA DELLA RELIGIONE #sacro #culto #sacerdoti

  1. pronihilo ha detto:

    L’ha ribloggato su Sestante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...