IL MURO DI GOMMA #poesia #comunicazione #interiorità

Butba-Trittico-sxLa triste maschera dell’allegria
obbligata, conversando con il muro
di gomma. Il volto anonimo della vita
quieta, lo stridore dei valori inconfutabili,
il suono della sorda pietra.

E tu dov’eri, angelo, quando
lo strazio lo costrinse all’esilio?
Eri distratto o peroravi
il contorto disegno del gran sadico?
Il muto angelo ora si nasconde,
tremendo come sempre, si nasconde
l’angelo muto che non sa tacere.

Aver guardato il mondo di traverso!
Basta una volta e quella prospettiva
rimane impressa, non ti lascia;
l’amaro fiume sotterraneo riaffiora
in superficie e si confonde con la raggelante
mistificata dolcezza. E scavi
con le nude mani il muro elastico,
il solco che si apre, sempre più profondo,
tra l’abiura negata dell’autentico
e l’artificio del senso di misura.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...