IL COMITATO ELETTORALE A LORO INSAPUTA #governorenzi #riforme #elezioni

renzi segretarioLa nomina dei viceministri e sottosegretari mi ha rafforzato nell’idea che il governo Renzi, più che un esecutivo di legislatura, sia un comitato elettorale personale del premier per le prossime elezioni politiche che, a mio parere, si svolgeranno nei primissimi mesi del 2015, terminato l’impegno del semestre europeo e prima che Berlusconi ritorni ad avere piena libertà d’azione, una volta finita di scontare la condanna ad un anno, nelle modalità – affidamento ai servizi sociali o domiciliari – che verranno decise nell’udienza del prossimo 10 aprile. Questo non tanto perché Renzi tema Berlusconi come rivale, quanto perché l’attuale premier mira a conquistare una fetta dell’elettorato berlusconiano e con il leader di Forza Italia libero di intervenire a piacimento nelle sue tv, il compito sarebbe più complicato.

Troppo scaltro Renzi per non aver messo in preventivo le polemiche per le numerose magagne dei membri del suo governo; più che preventivate, a me sembrano cercate, con lo scopo di far risaltare, nel maleodorante appassimento del sottobosco, l’aulente freschezza del giglio fiorentino. Il paradosso è che molti volontari di questo comitato lo sono a loro insaputa; questi sono convinti di partecipare a un governo di riforme epocali e non si rendono conto che stanno tirando la volata al giovane premier. Il non a caso chiamato da molti “primo governo Renzi” avrà ragione d’essere fino a quando l’ex sindaco di Firenze non avrà consolidato il suo consenso.

Così, mentre tutti sono impegnati a fare le pulci alla sua squadra, Renzi ha sempre più saldamente in mano le redini della politica italiana. Col suo indiscutibile fiuto per il vento che tira, non avrà difficoltà a guidarla, facendo coincidere la sua smisurata ambizione con i desideri della gente (il che non significa con le necessità reali dell’Italia). Intestandosi una passabile legge elettorale, un’efficace lotta agli sprechi e qualche azione incisiva in campo economico, nel giro di qualche mese Renzi si troverebbe con un consenso spropositato nel paese, mentre gli alleati di maggioranza verrebbero lasciati soli a difendere l’indifendibile.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a IL COMITATO ELETTORALE A LORO INSAPUTA #governorenzi #riforme #elezioni

  1. Giuseppe Albano ha detto:

    Premesso che non sono così convinto che Renzi non stia involontariamente creando il terreno per un nuovo “riscatto” di Berlusconi, mi ha colpito la coincidenza di questa tua affermazione “Col suo indiscutibile fiuto per il vento che tira, non avrà difficoltà a guidarla, facendo coincidere la sua smisurata ambizione con i desideri della gente (il che non significa con le necessità reali dell’Italia)” con quanto ho scritto io sul mio blog nell’articolo intitolato “”San Matteo” e la sinistra italiana”!

    Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...