I COSTITUZIONALISTI DE NOANTRI #napolitano #impeachment #governomonti

berlusconi napolitanoL’Italia è un paese di santi, poeti, navigatori e costituzionalisti! Personalmente, non ho apprezzato parecchie cose dell’interpretazione che Napolitano ha fatto della carica di Presidente della Repubblica, nei suoi otto anni al Quirinale. Nei primi anni, è stato fin troppo attento ad attenersi alla prerogativa della terzietà, impaurito dall’eventualità di essere tirato nel mezzo della polemica politica. Dal 2011 in poi, si è trasformato in interventista convinto, prendendo in mano le redini della politica nazionale, vista la conclamata incapacità del governo di fronteggiare la bufera economica. Ma si tratta, appunto, di interpretazione, opinabile quanto si vuole, ma che in nessun caso ha trasceso i dettami costituzionali. L’ultima polemica, sollevata dal furbo giornalista economico Friedman per lanciare il suo ultimo libro, è la controprova di quanto sia debole e strumentale l’accusa di anticostituzionalità a Napolitano. Si balbetta di attentato al Parlamento e ci si dimentica che la nomina del Presidente del Consiglio è di pertinenza del Capo dello Stato; nomina che viene legittimata dal voto del Parlamento, come avvenuto per Monti.

Bisognerebbe riavvolgere il nastro di quel fatidico 2011, prima di gridare al golpe. Tutto ebbe inizio il 14 dicembre 2010 con la mozione di sfiducia presentata dai finiani, bocciata dopo il mercato delle vacche che portò a Berlusconi i voti di alcuni deputati che il giorno prima avevano firmato la mozione, accompagnati dalle capriole dei due saltimbanchi dipietristi Scilipoti e Razzi e di alcuni ex-Pd già allontanati dal partito per questioni etiche. Berlusconi navigò in acque relativamente tranquille fino all’inizio della primavera, anche perché le bolle greca e spagnola non erano ancora esplose. Poi fu un’escalation di scandali, gaffe, moniti europei, Berlusconi e Tremonti che si delegittimavano a vicenda e montavano in giro per l’Europa il teatrino della manovra, sempre più visti come untori dai leader mondiali. Ricordate? Ruby, Mubarak, culona inchiavabile, la gag di Angela e Sarkò sul barzellettiere, la storiella sulla dittatura della magistratura raccontata ad Obama, la lettera di Draghi, lo spread che passa dai 120 di aprile ai 552 di novembre, l’umiliazione al G20 di Cannes? Cosa avrebbe dovuto fare Napolitano in quella situazione? Aspettare gli eventi?

Una cosa è il giudizio politico sulle scelte fatte da Napolitano; altra cosa, del tutto infondata, l’accusa di golpe e la richiesta di impeachment che i costituzionalisti de noantri, prolificanti come funghi in questo lungo autunno della Repubblica, avanzano un giorno si e l’altro pure.

 

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...