COSI’ FAN MOLTI #degirolamo #boccia #largheintese

boccia di girolamoCerto, non c’era d’aspettarsi che, dopo le imbarazzanti e note vicende che hanno interessato Alfano e Cancellieri, Nunzia De Girolamo si presentasse in Parlamento per trarre le conclusioni più ovvie, riguardo alla vicenda delle intercettazioni, abusive ma illuminanti sul modus operandi dell’allora semplice parlamentare nella gestione della sanità del suo territorio d’appartenenza, il Sannio. Ma almeno avrebbe dovuto risparmiarsi e risparmiarci lo psicodramma (questo si, kafkiano) di un ministro della Repubblica che, sfiduciata di fatto dal premier con la sua assenza ingombrante, non ha fatto altro che girare attorno alle circostanze poco ortodosse della vicenda, appellandosi al cliché del Fumus persecutionis e mostrando ulteriormente il suo cattivo gusto, strumentalizzando la sua bambina per suscitare compassione. Avrebbe dovuto avere la dignità di accompagnare la legittima (anche se debole e patetica) difesa della sua onorabilità politica, con quella parola che raramente è apparsa più opportuna: dimissioni.

Perché il problema non è il linguaggio sboccato della De Girolamo e neanche l’insulto via Sms a Mastella (mannaggia, se avessi il suo numero, al buon Clemente glielo manderei ogni mattina, un identico messaggio!). La stessa natura illegittima delle intercettazioni non cambia di nulla la gravità di quanto emerge da dialoghi che la ministro ha implicitamente confermato: un atteggiamento da boss mafioso, messo in atto per giunta fuori dalle proprie funzioni istituzionali. Un deputato della Repubblica che pretende di dettar legge nell’amministrazione locale e lo fa con metodo intimidatorio. Poco importa che l’arroganza istituzionale della De Girolamo abbia o meno sconfinato nella rilevanza penale: i modi sono politicamente inaccettabile, ancor prima di verificare la reale capacità di condizionare la gestione del bene pubblico.

Stando a quanto pubblicato da L’Espresso , la vicenda rischia di portare alla ribalta un fitto e consolidato sistema di potere che coinvolgerebbe anche il marito Francesco Boccia e che, anch’esso indipendentemente dalle ipotetiche rilevanze penali, potrebbe gravare non poco sull’irresistibile ascesa della coppia simbolo delle larghe intese. Una danza delle poltrone che vede protagoniste le nuove leve meridionali dell’amministrazione pubblica di centrosinistra e centrodestra, sotto l’attenta regia della coppia regale. Un intricato sistema nel quale si confondono interessi pubblici e privati, familismo, clientelismo e lobbismo, tanto strutturato da far apparire i coniugi Mastella come due insignificanti signorotti feudali.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...