CALA SINZIAS #poesia #mare #sardegna

cala sinzias

E tu ricordi, Anya,
la chilometrica cala, la torre
solitaria tra i barbarici peri,
il derelitto nuraghe
del fico moresco, i cappuccini
pietrificati da Ulisse?
Le dune abbracciate dal ginepro e
da cisti e lentischi coronate
e dall’ambigua ferula, esigua
ombra dove trovava asilo
l’irrequieto cappello del carnoso
cardolino (ma questo non ricordi, Anya,
che nella brutta stagione tu stavi
nella lontana terra di Germania); e pure
non ricordi discese e slalom
dalle dune di ruvida sabbia
ad imitare i Thoeni, Klammer
e Piero Gross; e i muri di Posidonia accatastati
dal fervore dello scirocco autunnale,
tu non li puoi ricordare.
L’imbizzarrirsi dell’onde al tocco umido
e pesante del levante, che l’acqua
intorbidiva e favoriva il venefico
agguato dell’aragna, lo ricordi?
E i turbini dell’impetuoso maestrale,
rapinatore di palle, canotti
e materassi? Il raggelarsi
dell’acqua al terzo giorno
in una tavola che pareva di stagnola?
La strada che lambiva la pineta e poi saliva
fino a San Pietro, quella
c’è ancora, ma non è più bianca.
Le capre di Buiccu, le ricordi?
E i vermi e i babballotti
nella bottega di Bonaria?
Ricordi il Tunisino
e Virdis (io lo ricordo, che tale
era il cognome del giovane campione
rossoblù, ma questo di sicuro non ricordi,
perché non t’importava); le miracolose pèsche
e le susine che dava la loro terra generosa
le ricordi, Anya, mia prima svanita
meraviglia? E le altre miracolose pésche,
cernie, ricciole, orate, le notturne
mormorate, le spigole brunastre
di vecchiaia, i cefali, le razze
che squarciavano i gommoni, le murene
e i gronghi con il sarago ancora
indigerito, li ricordi? I ghiozzi
colti nelle pozze (quando non v’arrivava
prima l’odiata coinquilina piscialedda),
tra rocciose piattaforme e spericolati
trampolini, li ricordi?
Ora, quell’orizzonte
dipinto dal sole e dalla luna
s’è fatto abisso dell’anima
che solo per orgoglio
non mendica conforto.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in mito moderno e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a CALA SINZIAS #poesia #mare #sardegna

  1. colorisdelimbas ha detto:

    E’ molto bella, Alberto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...