NON SA PIU’ RIDERE L’ANGOSCIA #poesia #senso #parola

Berthelemy-PrometheusNon sa più ridere l’angoscia
e non si scuote
per soffio geroglifico
l’anima rattrappita
dall’inerzia.

Parola che non ha voce bastante
ad invocare il verbo,
fosse pure l’essere
sconfitto dalle troppe fatiche,
dagli stenti dell’autentico,
nel labirinto
sinistramente illuminato
da sovrastrutture mascherate
da istinto.

Parola deflagrata, in ogni dove
brandelli di parola, olocausti di parole
nell’estetizzazione del commercio, parola politica,
calcistica, papale e papale papale,
parola fiume, in corrente impazzita
per indecidibile direzione,
per partito presa.

Ma non è
in nessun l(u)ogo
poesia,
non nel luccichio di stile
che distingue, nella miseria
della rappresentazione,
la boria dell’illuso dalla mesta
rassegnazione.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...