IL SOGNO DI PIERO #pierodellafrancesca #pittura #rinascimento

sogno PieroMaestro impareggiabile di sintesi, Piero della Francesca, capace di dare forma e geometria allo spirito, carnalità alla mistica. In nessun altro artista, prima e dopo di lui, gli ideali e la temperie dell’Umanesimo hanno trovato un equilibrio paragonabile. Scienziato e artista prima di Leonardo, ma, diversamente dal genio di Vinci, la scienza del biturgense non si distrae in inventiva tecnologica, ma si risolve sempre in teoria e applicazione estetica. La sua arte, per quanto immersa nella mondanità, non viene mai attraversata dall’estro individualista; lo sguardo soggettivo si fonde in una visione oggettiva e onnicomprensiva. In questo, la pittura di Piero assume un valore sociale che va ben oltre la narrazione propagandistica. La luminosa sacralità e gli ideali dell’Umanesimo trovano in essa la più paradigmatica delle rappresentazioni. Rigoroso razionalismo e profondo senso del mistero, monumentalità solenne e naturalezza si fondono in un’armonia per nulla precarizzata dai paradossi che l’hanno generata.

Sperimentatore costante, ma sempre attento a non recidere i legami con la tradizione. Assimilata la lezione plastica e spaziale di Masaccio, la sviluppa in volume e rilievo e la proietta in una dimensione cosmica; ereditato il colorismo luminoso da Domenico Veneziano, lo spoglia di ogni retaggio gotico e barbarico, per aprirlo serenamente al mondo nuovo. Non pago, eccolo nella seconda fase del ciclo delle Storie della Vera Croce in San Francesco ad Arezzo, deciso ad abbattere un’altra barriera: le tenebre. Neanche a dirlo, Piero non fa il passo più lungo della gamba; il suo spirito razionale non gli consente di accettare una sfida con sé stesso, se non è convinto di poterla vincere. Con il Sogno di Costantino, soggetto ideale per la fusione armonica di storia e mito, da prova di aver calcolato ogni dettaglio per la riuscita dell’inedita rappresentazione, aprendo un sentiero che porterà alla rivoluzione caravaggesca. Di più: lo sguardo immalinconito e straniato del servo seduto ai piedi del letto imperiale, nel suo rivolgersi allo spettatore, precorre strade metanarrative tanto care al Novecento.

altro su

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...