PRIMARIE SI, PRIMARIE NO #partitodemocratico #congressopd #segretario

congresso pdParafrasando Churchill, si potrebbe dire che le primarie siano la peggior forma di partecipazione democratica, a parte tutte le altre che son state sperimentate finora. Per quanto possano essere vituperate, per quanto possano essere soggette a manipolazioni, si sono rivelate l’unico sistema in grado di rinnovare la classe politica concretamente. Mettendo da parte tutte le magagne che sono emerse in questi anni, derivanti più che dal sistema stesso, dalla resistenza che a tale sistema hanno opposto le vecchie logiche della politica, grazie al meccanismo delle primarie si sono aperte esperienze di governo del territorio che altrimenti avrebbero avuto ben poche possibilità d’essere fatte. Quanto queste nuove esperienze di amministrazione pubblica siano e saranno state positive, saranno gli elettori a deciderlo nei prossimi anni.

Le primarie all’italiana, di questo bisogna dare atto al Partito Democratico, hanno creato una preziosa rete consultiva che, in pochi anni, si è radicata nel territorio e nell’immaginario collettivo. Ciò non può offrire particolari garanzie di buon governo, ma ha comunque attivato dei meccanismi virtuosi che stanno favorendo il ricambio generazionale e rafforzando il ruolo dell’elettorato. La strada da fare affinché si affermi questa cultura – non solo nell’ambito del centrosinistra, ma in tutto lo scenario politico – è ancora molta, ma non se ne vede un’altra percorribile per scardinare, almeno in parte, certe logiche privatistiche e familistiche nella gestione del potere, vera tara della società italiana.

Difficilmente parteciperò alle primarie per il segretario del Pd, dato che le considero in una logica interna ad un partito al quale non ho aderito e che mi suscita uno sbigottimento almeno pari all’interesse. Se partecipassi, sarei incerto tra la logica che mi consiglierebbe di votare per Cuperlo, in quanto l’unico in grado di sovvertire i sondaggi che vedono Renzi strafavorito, o l’affinità che mi porterebbe a parteggiare per Civati, incarnazione di un’idea di partito moderna, ma senza la rivoluzione culturale maoista (nei modi, non nei contenuti) di Renzi. Quello che mi preme, non è tanto chi sarà il prossimo segretario del maggior partito di centrosinistra italiano, ma piuttosto quale proposta di governo sarà in grado di offrire.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...