L’ORGOGLIO E IL CORAGGIO #governoletta #berlusconi #decadenza

governo lettaNon voglio gettare la croce addosso a Letta: gli riconosco dignità e correttezza, qualità che gli hanno consentito di limitare i danni, nella gestione del caos politico generato dalle elezioni di fine febbraio. Ma è stato lui a parlare di inoppugnabile estraneità di Alfano nella vicenda Kazaka; è stato lui a farsi costringere alla porcata dell’operazione Imu che ha portato all’aumento dell’Iva, misura ben più recessiva. Letta ha sempre ripetuto di non essere disposto a governare a tutti i costi, ma in queste due occasioni ha messo da parte la propria dignità politica in nome della stabilità. E che stabilità!

Non era difficile immaginare a quale livello potessero giungere le intemperanze dei berluscones, una volta arrivati al pettine i nodi giudiziari del loro leader. Capisco che non c’era altra strada percorribile, ma Letta ha subito e assecondato i ricatti di Berlusconi; è sembrato affetto dalla sindrome di Stoccolma nei suoi confronti e quel “non a tutti i costi” è rimasto lettera morta. Che ora voglia una prova muscolare ci sta, anche se avrebbe dovuto cercarla sull’affare kazako o sull’Imu. Che si voglia prendere la soddisfazione di trovare una maggioranza, nonostante tutto, ci sta. Che possa pensare di governare con una manciata di transfughi del Pdl, è un’idea scellerata, un accanimento terapeutico che ci porterebbe dritti verso la Grecia.

Letta, se volesse continuare a governare, dovrebbe riuscire a spaccare il Pdl a metà e riuscire ad avere una maggioranza superiore ai 170 senatori. Ma temo che andrà avanti anche con meno di 165, perché “non a tutti i costi” è frase da uomini di polso e Letta ha dimostrato, particolarmente sull’affare kazako e sull’Imu, di non averne. Peccato, perchè il Pd ha l’uomo giusto per tentare una nuova esperienza di governo in grado di disinnescare e ridicolizzare l’eversione berlusconiana. Fabrizio Barca, essendo stato Ministro per la coesione territoriale nel Governo Monti, ha toccato con mano la situazione italiana. Non avrebbe difficoltà ad avere la fiducia del Centro e recuperare quella di Sel; inoltre, è l’uomo giusto per far emergere definitivamente le contraddizioni del M5stelle. Barca potrebbe tirar su un governo coerente con la Carta d’intenti con cui il Pd si presentò alle elezioni di febbraio. Questo è l’unico scatto d’orgoglio e di coraggio che può giovare all’Italia. Il fallimento delle larghe intese è il fallimento di Letta e di Napolitano. Una volta disinnescata la bomba del caimano, ne prendano atto.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...