CINEMA E NARRAZIONE #film #narrativa #linguaggio

un chien andalouIl cinema è più narrativo della narrativa. La narrativa può permettersi la sospensione della narrazione; il cinema, anche nei suoi impeti antinarrativi, non può esimersi dal narrare. Faccio un esempio: l’Addio ai monti, il monologo interiore di Lucia nell’ottavo capitolo dei Promessi sposi, è lirico e in quanto tale sospende il tempo della narrazione. La stessa scena, con lo stesso testo, riproposta in una trasposizione cinematografica, non riuscirebbe a creare la stessa epoché e questo perché la narrazione visiva e sonora la destabilizzerebbero.

Cosa intendo per narrare? La capacità di dare consequenzialità a un percorso di trasformazione creativa e di comunicarlo agli altri. In questo senso, il cinema è doppiamente narrativo: ogni sequenza è una narrazione che, concatenandosi con le altre attraverso il montaggio, forma un’ulteriore unica o molteplice narrazione. La ragione di tutto ciò sta nel carattere intrinsecamente consequenziale del cinema, nel suo essere in divenire. Il divenire della letteratura è limitato allo sviluppo narrativo; il divenire del teatro è limitato al suo hic et nunc e al luogo deputato alla sua ambientazione; il divenire del cinema non ha vincoli di spazio e di tempo.

A seconda della sua metodologia narrativa, il cinema può dirsi a forte connotazione narrativa, a debole connotazione narrativa o antinarrativo. Nel primo caso, il film si compie nella trama stessa, ogni elemento è funzionale al suo percorso trasformativo. Si parla di debolezza narrativa quando la trama è un pretesto per tenere legate divagazioni sociali e psicologiche, gag comiche o altri espedienti diversivi. L’antinarratività si ha quando la trama viene fatta naufragare consapevolmente da inserti destabilizzatori dello sviluppo trasformativo.

Ma la dimensione assoluta del cinema si raggiunge quando queste tre metodologie narrative vengono dosate sapientemente dal regista nella creazione di un unico film: è il cinema metanarrativo, capace di affrancarsi completamente dagli obblighi imitativi e diversivi per elevarsi ad uno status di arte pura. A patto che si arrivi alla metanarrativa dopo aver acquisito maestria in tutte e tre le metodologie narrative, perché di cialtroni che s’inventano maestri è pieno il mondo.

altro su

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...