ALLEN GINSBERG #beatgeneration #controcultura #poesia

allen ginsbergSe essere poeti significa interpretare e testimoniare lo spirito del tempo, Allen Ginsberg lo è stato come pochi altri, nel panorama mondiale del secondo novecento letterario. Interpretazione e testimonianza, sia ben chiaro, da un’ottica di parte, di una partigianeria dell’antimilitarismo, dell’anticolonialismo, dei diritti civili, della lotta alle diseguaglianze e alla tirannia del mercato. Ginsberg ha strappato la maschera dell’ottimismo del Sogno americano che perseguita i folli visionari, i tossicomani, gli omosessuali e santifica il Moloch, l’anticristo, i mascelluti e cannibalici pazzoidi della provvidenza. Dalla San Francisco Renaissance al Movimento di Seattle, passando per il Flower Power e il No-nukes, Ginsberg ha dato continuità e sostanza alla Controcultura americana. Poeta d’avanguardia, ma con i piedi ben piantati nella tradizione angloamericana: la visionarietà di  William Blake, l’organicità di Walt Whitman, il sincretismo di Ezra Pound, la frammentazione di W.C. Williams e il flusso vitale di Dylan Thomas. Profetismo mistico (Blake) e civico (Whitman) si ergono come serpenti incantati dalla fluidità musicale (Dylan Thomas, ma senza metafisica!) di un fachiro free jazz; nella danza caotica e archetipale, accompagnata dal ritmo del respiro (Williams), si distingue un gusto cronachista e cataloghista di matrice poundiana.

Santo e Satiro, perennemente alla ricerca di un’armonia spirituale e cosmica capace di comprendere luce e oscurità, spirito e carne. L’ha cercata nei paradisi artificiali, nel nomadismo perpetuo, nella sregolatezza dei sensi rimbaudiana, nell’allucinata ritualità magica precolombiana, sulle tracce di Artaud. L’ha cercata nella liturgia mantrica e nella disciplina tantrica, in un sincretismo religioso universale, in cui in un tabernacolo giudaico-cristiano trovavano posto l’itifallico Chango, il Re di Maggio, un giardino zen fitto di Lingam, la serafica pinguedine di Buddha. L’ha cercata nell’oralità poetica condivisa, fin dal giorno della rivelazione alla Galleria six di San Francisco nell’ottobre del 1955, con quell’Urlo che si riallacciava a un topos del contemporaneo, ma senza più avere il tono cassandrico di Munch e Artaud per un’Apocalisse imminente: l’Apocalisse era già avvenuta e Ginsberg non poteva che constatarlo.

poesie di  Allen Ginsberg

altro su

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in mito moderno e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a ALLEN GINSBERG #beatgeneration #controcultura #poesia

  1. janoklark ha detto:

    Ginsberg era un pedofilo e sostenitore della organizzazione NAMBLA (associazione nordamericana per amore fra uomini e bambini):
    http://it.wikipedia.org/wiki/NAMBLA
    All’inizio degli anni ottanta, l’associazione riportava più di 300 affiliati[senza fonte], e contava dell’appoggio di alcune personalità, come lo scrittore Allen Ginsberg.[9]

    • albertomassazza ha detto:

      Chi te le ha date queste informazioni? La Cia?

      • janoklark ha detto:

        no, è informazione pubblica, ginsberg era un grande sostenitore, difensore e membro di NAMBLA. lui stesso ha scritto tanto in difesa della pedofilia e anche su le sue “esperienze” con bambini.

        questa è una nota dal biografo di ginsberg:

        “Sebbene sia Shumacher e Barry Miles (biografo iniziale di Ginsberg) francamente discutono la politica sessuale di Ginsberg, né si riferisce al suo coinvolgimento con la controversa Man-Boy Amore Associazione Nordamericana [NAMBLA]…Ho riletto Collected Poems e due raccolte successive di Ginsberg, sorpresi dal modello di riferimenti a rapporti anali e di pederastia hanno apparso.”

        Raymond-Jean Frontain, “The Works of Allen Ginsberg,” Journal of Homosexuality 34 (1997): 109.

        oppure, en wikipedia:

        http://en.wikipedia.org/wiki/Allen_Ginsberg#Association_with_NAMBLA

        grazie per la Sua attenzione

  2. albertomassazza ha detto:

    Ricapitolando: lei mi cita la pagina wiki inglese che parla della polemica suscitata da una dichiarazione sul Nambla, senza dire in quale contesto, e le dichiarazioni, riportate in modo alquanto confuso, del suo biografo (autorizzato?); io le chiedo: le risulta che Ginsberg abbia subito processi o sia stato semplicemente sospettato di pedofilia? A me non risulta e ad ogni buon conto, questo è un post sulla letteratura di Ginsberg, non sulla sua dirittura morale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...