IL CERCHIO E LA BOTTE #napolitano #berlusconi #grazia

berlusconi napolitanoPersonalmente, penso che la nota ferragostana del Presidente della Repubblica sulla condanna in Cassazione e le incombenti decadenza e incandibilità di Berlusconi, contenga due errori di fondo: l’attesa mediatica montata ad arte nelle ore precedenti alla comunicazione e la legittimazione delle intemperanze berlusconiane, con la comprensione mostrata nei confronti delle loro preoccupazioni. Quello che Napolitano definisce “turbamento  per le sorti di un leader incontrastato di una formazione politica di indubbia importanza” si manifesta in modi aggressivi e delegittimanti nei confronti di un potere costituzionale e Napolitano avrebbe dovuto risparmiarsi quel passaggio, onde evitare che quelle parole, unitamente all’aura da evento epocale che ha accompagnato una nota inusuale nei modi e ovvia nei contenuti, possano essere strumentalizzate ai fini della crociata anti-magistratura.

Detto questo, bisogna essere dei pasdaran pentastellati o dei travagliati giustizialisti per leggere, nelle parole di Napolitano, una disponibilità a concedere la grazia a Berlusconi. Se è vero che, in nome della stabilità politica, il Presidente ha mostrato attenzione e comprensione nei confronti dei problemi dell’ex (?) cavaliere, è altrettanto vero che le parole di Napolitano inchiodano il leader del Pdl a un percorso strettamente inserito nell’ambito costituzionale che prevede, innanzitutto, la richiesta formale della grazia, il che implicitamente è un riconoscimento della validità della condanna e un’ammissione del proprio stato di reo. In secondo luogo, l’affermazione che un’eventuale grazia commuterebbe la pena detentiva in pecuniaria, lasciando inalterate le pene accessorie (decadimento da senatore e incandidabilità in eventuali nuove elezioni), non scioglierebbe affatto il nodo centrale della questione: l’agibilità politica di Berlusconi.

Ora, detto che comunque una parziale grazia in assenza di motivi umanitari rappresenterebbe una forzatura politica delle prerogative del Capo dello Stato, sostenere che Napolitano abbia l’intenzione di salvare Berlusconi è degno dei travagliati giustizialisti che vorrebbero che la legge fosse usata come una clava e dei pasdaran pentastellati che si fanno paladini della Costituzione dopo averne letto frettolosamente la riduzione in Bignami. L’atteggiamento ossessivo di certa stampa e di certa nuova politica sulla questione della grazia a un uomo di quasi 77 anni, che proprio per l’età avanzata non sconterà la pena in carcere, dimostra quanta morbosità ci sia nel dibattito politico italiano. Il vero problema non è assicurarsi se Berlusconi  si renderà socialmente utile, verrà rinchiuso ai domiciliari o gli verrà commutata la pena in una multa; il vero problema è assicurarsi che le sue vicende personali non siano più in grado di condizionare la politica italiana.

 

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...