GIORGIO CAPRONI E IL GIOCO DELLA POESIA #poesia #letteratura #novecento

giorgio caproni

Poeta del gioco, Giorgio Caproni, ma non per una volontà di disimpegno, bensì come reazione al disincanto, al male di vivere. Il gioco poetico è un esorcismo per risolvere le ansie del quotidiano, i dolori e le amarezze della vita. Non c’è nessun accenno di virtuosismo narcisistico nell’utilizzo di rime, alliterazioni, enjambement, nella frammentazione metrica, ma solo la volontà di affrancamento dal tedio e dal dramma, il tentativo di risoluzione dei conflitti interiori in una sorta di autoterapia psicanalitica.

Poeta di mediazione tra l’aulico e il popolare, tra il discorsivo e il musicale, tra l’ermetismo e la chiarezza, tra la disperazione e, appunto, il gioco. Dal gioco emerge la biografia del poeta: l’infanzia livornese, segnata dalla I guerra mondiale e dalle conseguenti difficoltà economiche; l’adolescenza e la prima maturità nell’adorata Genova, tra studi magistrali e musicali, necessità lavorative e prime esperienze di insegnamento; il definitivo trasferimento a Roma, come maestro elementare e collaboratore letterario, dopo l’esperienza al fronte nella II Guerra Mondiale. E poi, le donne: la madre, Anna Picchi; la giovane fidanzata, Olga Franzoni, morta di setticemia poco prima delle nozze; la moglie, Rosa Rettagliata, evocata anche come Rina; Annina, figura mitizzata attraverso la quale il poeta rivive la Livorno dell’infanzia.

La sua produzione comprende raccolte poetiche (Come un’allegoria, 1936; Cronistoria, 1943; Il passaggio di Enea, 1956; Il seme del piangere, 1959; Congedo del viaggiatore cerimonioso, 1965; Il muro della terra, 1975; Erba francese, 1979; Il franco cacciatore, 1982; Il conte di Kevenhuller, 1986), prose (Il Labirinto, 1984; Frammenti di un diario, 1995), oltre ad articoli, epistole  e brevi saggi.

Poesie di Giorgio Caproni

altri articoli su

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in libero pensiero e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a GIORGIO CAPRONI E IL GIOCO DELLA POESIA #poesia #letteratura #novecento

  1. Sara Durantini ha detto:

    Adoro Caproni, ho fatto un corso all’università sulla sua poesia e sono stati mesi stupendi tra i suoi versi. Di quel corso ne ho parlato anche nel mio blog.

  2. albertomassazza ha detto:

    L’ha ribloggato su Albertomassazza's Bloge ha commentato:

    #VentagliDiParole #poesiaintweet #poesiepingpong #poesia #letteratura #novecento #GiorgioCaproni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...