LETTA E RILETTA #governoletta #ministri #palazzochigi

letta

Bisogna dirlo: il gattopardo stavolta si è messo proprio d’impegno per mimettizzarsi bene. Squadra giovane, molte donne, la prima afro-italiana ministro, poche facce note: detta così, parrebbe proprio quel governo di cui gli italiani sono in attesa messianica da tanto tempo. Poi vedi la Lorenzin alla Salute, con il suo bel diplomino di liceo classico, la De Girolamo alle politiche agricole e forestali (competenze, oltre ad essere la moglie del lettiano Boccia?), Lupi ai trasporti (sarebbe stato meglio all’ortodossia della Fede), il saggio Quagliarello alle riforme berlusc…pardon, costituzionali, oltre alla ciliegina sulla torta di Alfano, interni e vicepremier. Fuori dal recinto dei berluscones, D’Alia, lo sceriffo antiweb alla Pubblica amministrazione e Saccomanni all’economia, uomo del fare, tanto da aver collezionato incarichi (bancari) e onorificenze, ma piuttosto scarso a pubblicazioni accademiche e studi: potrà essere lui l’uomo del cambio di passo? No, non è un inciucio, ma peggio: una via di mezzo tra l’assalto alla diligenza e la difesa di Fort Apache.

La fiducia non è in questione, ma il buon Letta si ritroverà tanti scogli erranti nella sua navigazione. Sempre che il Pd non abbia deciso per il suicidio definitivo.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...