ARBEIT MACHT FREI #area #jazzrock #progressive #demetriostratos

area

Album d’esordio degli Area, pubblicato nel 1973, Arbeit macht frei è un disco straordinariamente compatto, nonostante l’estremo meticciato stilistico che ne sta alla base. Opera sostanzialmente Jazz-rock, con continui rimandi che vanno dalla tradizione popolare all’avanguardia colta, il tutto innervato da testi fortemente connotati nel senso della militanza politica anti-capitalista e anti-imperialista.

La prima traccia, Luglio, agosto, settembre (nero), aperta da una cantilena femminile in arabo, è quella più sensibile alle influenze folk mediterranee, pur contenendo un’improvvisazione centrale decisamente free-jazz. Segue la title track, Arbeit macht frei, che ricorda la famigerata scritta sul cancello di Auschwitz, un brano progressive ipnotico. I due successivi, Consapevolezza e Le labbra del tempo, appaiono come le due parti di un’unica suite,  il cuore pulsante dell’album, in cui tutte le influenze trovano un miracoloso equilibrio. 240 kilometri da Smirne è l’unico brano completamente strumentale, una lotta titanica tra il free jazz e la forma canzone. A concludere, L’abbattimento dello Zeppelin, hard rock liquido e progressivo, con la linea di basso a fare il verso al riff di Whola lotta love dei Led Zeppelin.

I musicisti accreditati, oltre a Demetrio Stratos, Hammond, Steel drum e funambolismi vocali, sono: Patrizio Fariselli al piano, Paolo Tofani alla chitarra elettrica, Viktor Busnello al sax e clarino basso, Yan Patrick Djivas al basso e contrabbasso e Giulio Capiozzo alle percussioni e batteria. I testi, in buona parte, sono di Gianni Sassi, sotto lo pseudonimo di Frankenstein.

Potrebbero interessare:

L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DI NICK DRAKE                     TIM BUCKLEY, L’ESCLUSIVO ESCLUSO         TE RECUERDO, VICTOR                                                                    PETE TOWNSHEND, THE WHO E LA FINE DELL’INFANZIA DEL ROCK                                                                                                                L’EPOPEA DEL DIRIGIBILE ROCK
TUTTE LE CARTE IN REGOLA PER ESSERE UN MALEDETTO DAEVID ALLEN, IL FOLLETTO DEL PROG

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in mito moderno e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a ARBEIT MACHT FREI #area #jazzrock #progressive #demetriostratos

  1. Antonio Pan ha detto:

    area – festa dell’Unità 1974 a Bassano del Grappa (allora feudo DC). Grande Demetrio

  2. trasloco-ufficio ha detto:

    Non mi capita mai di fare commenti sui blog che leggo, ma in questo caso faccio un’eccezione, perch il blog merita davvero e voglio scriverlo a chiare lettere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...