IL REALISMO ONIRICO DI FELLINI #cinema #fellini #realismoonirico

fellini“L’unico vero realista è il visionario”.

Federico Fellini.

Parrebbe un ossimoro, il realismo onirico. Eppure, tutta l’arte cinematografica si regge sul rapporto tra questi due poli opposti, l’impressione di realtà e la proiezione onirica.

L’opera di Fellini ha indagato questo rapporto come nessun’altra, cercando ostinatamente un punto di equilibrio, nel quale questi due poli si potessero fondere senza soluzione di continuità.

Dopo l’esordio in affiancamento ad Alberto Lattuada in Luci del Varietà, nel suo primo film autonomo, Lo sceicco bianco, Fellini cerca subito una via per risolvere questo paradosso. Il neorealismo rappresentato dai due giovani sposini provinciali in una Roma post-bellica, si apre su una doppia dimensione onirica: quella mistica del Papa, dal quale intendono essere benedetti, e quella profana dell’eroe dei fotoromanzi, lo sceicco bianco appunto, dal quale la giovane sposina si reca in un effimero pellegrinaggio mondano e  postmoderno.

L’orizzonte mitico, la dimensione onirica non sono, per il regista, divagazioni fantastiche per rendere il film più appetibile allo spettatore, ma degli imprescindibili complementi per rendere l’impressione di realtà totale, comprensiva degli aspetti psichici e spirituali, oltre il dato eminentemente materiale.

Poco importa se una prospettiva di partenza realista, come in I vitelloni e la Dolce vita, si proietta su uno sfondo onirico; o se, al contrario, è l’immaginario a cercare asilo nel reale, come in 8 e mezzo o ne La città delle donne; o se, ancora, si parte già dal tentativo di fusione dei due poli, come in La strada e Le notti di Cabiria.

Alla fine, la soluzione del paradosso avviene quando il tutto viene filtrato dalla luce flebile del ricordo. Un processo che Fellini affronta nei primissimi anni ’70, con la trilogia della memoria ( I clowns, Roma e Amarcord). Proprio con Amarcord, mi ricordo in dialetto romagnolo, l’ossessione felliniana trova la sua più compiuta consolazione. La biografia romanzata diviene il terreno ideale in cui risolvere, una volta per tutte, l’ossimoro del cinema.

altro su

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Questa voce è stata pubblicata in mito moderno e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a IL REALISMO ONIRICO DI FELLINI #cinema #fellini #realismoonirico

  1. Sara Durantini ha detto:

    Questo post mi è piaciuto molto, per come hai spiegato i due poli opposti. E per l’incipit. Tornerò spesso 🙂

  2. albertomassazza ha detto:

    L’ha ripubblicato su Albertomassazza's Bloge ha commentato:

    #cinema #FedericoFellini #realismo #neorealismo #visionario #sogno #dolcevita #Amarcord #Roma #Rimini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...