IL FASCISMO NON C’ENTRA #grillo #m5stelle #elezionipolitiche

grilloCredo che sia un grave errore evocare una qualche forma di totalitarismo manifestatasi nel XX secolo, quando si parla di Beppe Grillo e del suo movimento. Non c’è ombra di stato forte e accentrato, non c’è ombra di nazionalismo, di militarismo, di ideologia nel M5stelle. Il pericolo rappresentato dal movimento è opposto: un anarchismo diffuso, con conseguente ulteriore degrado delle istituzioni e dei servizi pubblici e aggravamento delle condizioni economiche. Una decrescita infelice  pagata con la moltiplicazione dei disoccupati, la diminuzione della sicurezza e l’aumento delle diseguaglianze. Un simile scenario, certo, potrebbe essere il preludio a un neo-totalitarismo, molto più simile alle visioni di Huxley e Orwell che non alle forme storicamente manifestatesi nel novecento.

Ad ogni buon conto, calcare la mano su certe consonanze per creare paralleli, è controproducente. Uno degli assi portanti della strategia  di Grillo e Casaleggio è proprio quello di riprendere stilemi comunicativi tipici dei totalitarismi,  riproponendoli con ambiguità tra la parodia e la mimesi. Questo proprio per offrire agli avversari dei paragoni che risultano spropositati per il suo bacino elettorale. In questo modo, è gioco facile per Grillo crearci sopra la retorica del “solo contro tutti”, in modo da consolidare lo spirito d’appartenenza del suo elettorato.

Grillo, per ora, ha esclusivamente rastrellato i voti, strizzando l’occhio e stringendo la mano a destra e a manca. Il suo scopo è stato quello di ampliare al massimo il consenso elettorale e l’ha ottenuto. Ma questo significa che il suo elettorato è estremamente volatile: si può ampliare ulteriormente, raccogliendo i voti più pulsionali di pdl e lega, cosa che Grillo ha già iniziato a fare, ma si può drasticamente ridurre, dato che il suo unico cemento è l’odio generico verso lo status quo.

La strada seguita da Bersani è l’unica percorribile. Il suo successo non è improbabile, ma molto aleatorio. Dipende dalle reali intenzioni di Grillo, dalla capacità di influenzarle dei suoi consiglieri, come Celentano e Fo, dall’autonomia che i senatori grillini dimostreranno a Palazzo Madama. Portare avanti la demonizzazione farà fatalmente crescere il suo consenso. Dimostrare la sua irresponsabilità di fronte alla grave situazione è l’unica arma contro la sua macchina da guerra. Sempre che gli elettori, in un’eventuale prossima tornata, dimostrino finalmente una capacità razionale degna di una democrazia seria.

Annunci

Informazioni su albertomassazza

nessuna pretesa di verità, ma aprire qualche finestra
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...